Giuseppe Marzulli - Nutrizionista

Telefono : +393339460202

Frustrated woman looking at dinner ingredients with sad face

Mal di testa e Cibo

Un attacco di mal di testa può essere scatenato anche dal cibo che mangiamo come formaggi stagionati, frutta secca, cioccolato, ma anche vino e superalcolici…

In questo caso si tratta di EMICRANIA, tra le forme più ricorrenti di mal di testa.  Si presenta con un dolore acuto o pulsante che solitamente inizia nella parte anteriore o su un lato della testa, coinvolgendo la fronte e le tempie.

Può durare poche ore o persino giorni, con sintomi variabili da soggetto a soggetto, che possono essere in molti casi insopportabili: dolore pulsante, nausea, vomito, sensibilità alla luce (fotofobia) e ai suoni (fonofobia). Talvolta l’emicrania è preceduta da alcuni segnali, come lampi di luce o formicolio alla gamba o al braccio.

L’emicrania è definita cronica quando presenta sintomi per almeno 15 giorni al mese per tre mesi successivi. Le donne hanno tre volte più probabilità di avere emicranie.

Tra i diversi fattori che possono scatenare una crisi troviamo:

  • lo stress
  • le variazioni meteorologiche
  • l’alimentazione

Parlando dei cibi quelli da EVITARE poiché hanno un ruolo di innesco dell’emicrania sono:

  • Latticini
  • Cioccolato
  • Uova
  • Agrumi
  • Carne (preferire vitello magro a tutte le altre carni)
  • Frumento (pane, pasta, ecc.)
  • Noci e nocciole
  • Pomodori
  • Cipolle
  • Mais
  • Mele
  • Banane
  • Bevande e additivi:  vino rosso, caffè, tè e coca-cola, il glutammato monosodico (nel dado da cucina, NdT), l’aspartame (un dolcificante, NdT) ed i nitriti.

È anche una questione anche di quantità poiché si è visto che insorge con più frequenza se la digestione è faticosa e lenta, quindi pasti più leggeri e digeribili sono da preferire.

Se da un lato è necessario non consumare alcuni cibi trigger dall’altro si consiglia di preferire alcuni cibi neuroprotettivi come:

  • Riso
  • Verdure verdi cotte (broccoli, spinaci, bietola da coste, cavolo riccio)
  • Verdure color arancio cotte (carote e patate dolci)
  • Verdure di colore giallo cotte (zucca)
  • Frutta cruda o cotta (esclusa quella indicata tra gli alimenti dannosi)

Anche la fisioterapia o lo yoga possono venire in aiuto nel caso di emicrania specialmente se di tipo muscolo-tensivo.

Infine chi soffre di emicrania dovrebbe rispettare queste semplici regole:

  • mangiare a orari regolari,
  • non saltare i pasti, non digiunare (anche l’ipoglicemia può scatenare la crisi),
  • bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno
  • non abusare di farmaci antidolorifici

Sembra anche utile l’integrazione con magnesio e la vitamina B2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *