fbpx

Giuseppe Marzulli - Nutrizionista

Telefono : +393339460202

Rimettersi in forma dopo l’estate

Nella puntata del 2 ottobre 2017 della trasmissione “Buon Pomeriggio”, Mary De Gennaro ha intervistato il Dott. Marzulli chiedendo consigli su come rimettersi in forma dopo l’estate e prima delle prossime feste tra circa due mesi.

Per vedere la puntata clicca qui:

Questa finestra di tempo, ottobre-dicembre, è ottima per riprendere una buona forma fisica anche per prepararsi alle prossime feste…

Ciò che conta è farlo con una dieta equilibrata ed abbinando sempre l’attività fisica.

E’ importante non usare il cibo ne come una gratificazione e nemmeno come una punizione. Quindi mangiare secondo i propri gusti ma moderandone le quantità e usando un po’ di scaltrezza nell’associare gli alimenti.

Trovo geniale il piatto disegnato dalla Harvard Medical School, che rivisita il My Plate introdotto negli Stati Uniti qualche tempo fa.

Si tratta di dividere mentalmente il piatto in 4 parti e riempirne metà di un ugual volume di carboidrati e proteine, la restante metà deve essere riempita per la maggior parte da verdure.

Quel che resta lo destineremo alla frutta. Consumata sempre ma con moderazione.

Ricordiamo che i carboidrati sono anche frutta e verdura… che oltre a glucidi buoni contengono anche FIBRE SOLUBILI ed INSOLUBILI. Entrambe servono per ridurre il peso perché le fibre insolubili facilitano il transito intestinale, eliminando scorie e tossine; quelle solubili invece abbassano la glicemia, responsabile tra l’altro degli attacchi di fame verso i cibi calorici.

Se si pensa di adottare una dieta iperproteica per perdere peso e più velocemente, vorrei specificare che esse non sono pericolose SE si è in buona salute, si devono perdere fino a 4 chili e si seguono per un massimo di 4 settimane. La percentuale di proteine è infatti calcolata su un tetto calorico basso, per facilitare la perdita di peso: il 30% di proteine su un totale di 1400 calorie è un conto, altro discorso se le calorie totali salgono a 2000, allora, il sovraccarico per reni e fegato rischia di essere eccessivo e può diventare pericoloso. Così come lo diventano prolungate per oltre 1 mese.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *