Giuseppe Marzulli - Nutrizionista

Telefono : +393339460202

BIA

BIA: il test dal nutrizionista!

BIA è il nome del test che di solito si esegue quando si inizia un percorso con il nutrizionista. 

Il peso è un indicatore troppo grossolano di quel che accade nel nostro corpo e non sempre perdere peso significa perdere massa grassa così come non sempre mantenere lo stesso peso significa che non cambi la composizione all’interno del nostro corpo.

Il test BIA, unitamente alla misurazione delle circonferenze corporee o delle pliche di tessuto sottocutaneo, è un test importante poichè permette di conoscere come procede il percorso nutrizionale intrapreso con il nutrizionista.

BIA sta per bioimpedenziometria ovvero un’innovativa tecnica “non invasiva” di valutazione della composizione corporea e della distribuzione dei fluidi nel corpo.

È un esame di tipo bioelettrico, rapido ed assolutamente indolore, che utilizza un’apparecchiatura specialistica ed un sofisticato software, per misurare la resistenza del nostro corpo al passaggio di corrente elettrica a bassa intensità ma alta frequenza.

Nel corpo umano i tessuti non grassi ed in particolare l’acqua corporea, offrono una minore resistenza al passaggio della corrente elettrica; al contrario la massa grassa offre un’elevata resistenza all’elettricità.

Questo permette di distinguere facilmente in due tipologie, i tessuti corporei. Ma non basta.

Oltre alla  Resistenza si valuta anche la Reattanza.

La Reattanza è la forza che si oppone al passaggio della corrente a causa della presenza di un condensatore. Nel corpo umano la massa cellulare si comporta come un condensatore costituito da una membrana di materiale lipidico non conduttivo interposto tra due strati di molecole proteiche conduttive. Pertanto la determinazione della reattanza è fondamentale per la determinazione dei tessuti privi di grasso.

bia_messung_akern_deutschland

A partire dai valori della Resistenza e della Reattanza, si possono conoscere vari parametri:

  • Acqua totale (TBW): rappresenta la componente predominate del nostro organismo ed è la somma dell’acqua intracellulare (ICW) e dell’acqua extracellulare (ECW). Nelle condizioni normali la distribuzione dell’acqua dovrebbe essere 40% ECW e 60% ICW. Se i valori si discostano da questi ci potrebbe essere sofferenza cellulare o ritenzione idrica.

Immagine

  • Massa magra (FFM): è tutto ciò che non comprende la massa grassa, è la somma della massa cellulare e di quella extracellulare.
  • Massa cellulare (BCM): la componente cellulare del corpo prende in considerazione organi e muscoli, è responsabile del 98% del consumo energetico. È un importante indice dello stato fisico e tende a diminuire con l’avanzare dell’età oppure a causa di cattiva alimentazione.
  • Massa extracellulare (ECM): fa parte della FFM ed è la somma di tutto ciò che non è massa cellulare nell’organismo, comprende tessuto osseo, tendini e fluidi. Fluttuazioni di questo valore sono indice di variazione dello stato di idratazione del soggetto.
  • Massa grassa (FM): esprime il grasso corporeo totale e viene ricavata indirettamente dalla sottrazione della massa magra (ricavata in base all’acqua totale) dal peso del soggetto.
  • Scambiatore sodio/potassio (Na+/K+): valuta lo scambio di elettroliti tra i compartimenti intra- ed extra-cellulari, gli ioni K+ e Na+ sono responsabile dei movimenti dell’acqua dall’interno all’esterno delle cellule e viceversa. Il rapporto ideale è 1/1, se tale valore aumenta fino a 1,6, significa che nelle cellule è entrato il 60% in più di sodio e quindi il rialzo segnala un notevole aumento della ritenzione idrica (iperidratazione) e malnutrizione proteica. Al contrario, una riduzione del rapporto fino a 0,6 esprime uno stato di forte disidratazione cellulare e di malnutrizione energetica (in questi casi, sarà necessario aumentare l’introito di calorie giornaliere).

BIA-Gram

Schermata 2018-06-16 alle 11.18.27  Il percorso nutrizionale LINEA DADI prevede sempre l’utilizzo della BIA per conoscere con precisione la massa muscolare su cui impostare il fabbisogno proteico giornaliero garantito dai numero dei DADI assegnato dal nutrizionista.

Il monitoraggio delle varie masse corporee sarà riportato sui singoli referti delle visite, così da avere piena consapevolezza di come sta andando il percorso nutrizionale.

Ecco un esempio di referto di una mia visita:

Schermata 2019-01-24 alle 12.13.39

Per ulteriori informazioni su questo test scrivimi pure qui sotto, oppure contattami al 3339460202.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *